Logo del Parco
Natura e storia
fra collina e Po nel torinese
Condividi
Home » Ente » Pianificazione

Rete Natura 2000. Piani di gestione e misure di conservazione

La Giunta Regionale ha approvato, dopo il procedimento di adozione con Conferenza dei Servizi da parte dell'Ente Parco, ed apportando a sua volta ancora alcune modifiche, i Piani di Gestione (redatti ai sensi dell'art. 42 della L.R. 19/2009 e s.m.i.) dei due Siti della Rete Natura 2000 Isolotto del Ritano (Sito di importanza comunitaria e Zona di protezione speciale cod. IT1120013) e del Bosc Grand e Bosco del Vaj (Sito di importanza comunitaria cod. IT1110009), nonché le Misure di Conservazione sito specifiche di alcuni SIC, in attesa della predisposizione dei Piani di Gestione per tutti i Siti Natura 2000 in gestione all'Ente delle Aree Protette del Po Torinese.

I Piani di gestione costituiscono uno strumento competo per l'inquadramento e la gestione del Sito Natura 2000; sono infatti corredati, oltre che dagli aspetti prettamente normativi (Misure di Conservazione), anche da indagini sul territorio interessato sia dal punto di vista economico-sociale, sia storico culturale e ambientale (geologico, pedologico, floristico, faunistico). Sono presenti nel Piano di Gestione inoltre le Schede di Azione, ovvero gli interventi che si ritiene debbano essere effettuati prioritariamente, in particolare a cura del Soggetto Gestore, per tutelare e conservare alcuni habitat o specie di interesse comunitario presenti nel Sito.

Parte indispensabile del Piano di gestione è la cartografia degli habitat ovvero la localizzazione sul territorio interessato degli ambienti tutelati dalla Direttiva Habitat 92/43/CEE. Tale cartografia deriva da rilievi puntuali effettuati sul territorio tutelato con un'indagine prettamente di tipo floristico.

La Misure di Conservazione sito-specifiche integrano le PDF Misure di Conservazione per la tutela dei Siti della Rete Natura 2000 del Piemonte, approvate con D.G.R. n. 54-7409 del 7/4/2014, modificata con D.G.R. n. 22-368 del 29/9/2014 e D.G.R. n. 17-2814 del 18/01/2016, e contengono, per ogni specifico SIC, norme per la tutela di habitat e specie inserite nella Direttiva Habitat.

Le Misure sito-specifiche non rappresentano quindi un vero e proprio piano per la gestione del Sito Natura 2000, ma solo un primo livello di tutela.

Pur facendo parte della Rete Natura 2000, la Zona di Protezione Speciale Meisino (Confluenza Po-Stura) (cod. IT1110070) non è dotata di strumento di gestione specifico, né di Misure di Conservazione sito-specifiche. Per la gestione del Sito del Meisino si rimanda pertanto alle Misure di Conservazione per la tutela dei Siti della Rete Natura 2000 del Piemonte.

I piani generali o di settore, i progetti e gli interventi i cui effetti ricadano all'interno dei siti di Rete Natura 2000 sono sottoposti alla Verifica di Assoggettabilità a Valutazione di Incidenza, al fine di verificare l'eventualità che gli interventi previsti, presi singolarmente o congiuntamente ad altri, possano determinare significative incidenze negative su di un sito Natura 2000, tenuto conto degli obiettivi di conservazione del medesimo.

Per quanto riguarda le procedure da seguire, è necessario consultare le indicazioni riportate sul sito istituzionale del Settore Biodiversità e Aree Naturali della Regione Piemonte.

Nella pagina del Sito della Regione è possibile scaricare la PDF scheda guida che individua le informazioni minime necessarie per la presentazione dell'istanza. La scheda, disponibile sul sito della Regione Piemonte anche in formato .doc,  può essere compilata ed inviata al soggetto gestore del sito Natura 2000, oppure può servire come schema per individuare le informazioni necessarie per produrre un proprio elaborato.

Inoltre si ricorda che per alcune tipologie di attività molto diffuse sul territorio dell'Ente Parco del Po, sono stati approvati due regolamenti che disciplinano:

La gestione forestale è invece disciplinata dalle Misure di Conservazione per la tutela della Rete Natura 2000 del Piemonte, dai Piani di gestione e, nell'area lungo il Fiume Po, dal Piano di gestione Forestale del Parco del Po.

Per la gestione forestale delle aree gestite dall'Ente Parco è necessario consultare la pagina: www.areeprotettepotorinese.it/pagina.php?id=226


 Piano di Gestione del SIC/ZPS Isolotto del Ritano (cod. IT1120013)

Piano di Gestione del SIC Bosc Grand e Bosco del Vaj (cod. IT1110009)

Misure di Conservazione Sito Specifiche Collina di Superga (cod. IT1110002)

Misure di Conservazione Sito Specifiche Baraccone (Confluenza Po-Dora Baltea) (cod. IT1110019)

Misure di Conservazione Sito Specifiche Po Morto di Carignano (cod. IT1110025)

Misure di Conservazione Sito Specifiche Lanca di San Michele (cod. IT1110024)

Misure di Conservazione Sito Specifiche Mulino Vecchio (cod. IT1110050)

Misure di Conservazione Sito Specifiche Confluenza del Maira (cod. IT1110016)

Misure di Conservazione Sito Specifiche Confluenza Po Orco Malone (cod. IT1110018)

Misure di Conservazione Sito Specifiche Lanca di Santa Marta (cod. IT1110017)

Zona di Protezione Speciale Meisino (Confluenza Po-Stura) (cod. IT1110070)


Erythronium dens-canis nel Bosco del Vaj
Erythronium dens-canis nel Bosco del Vaj
(foto di: Enrico Castello)
piemonteparchi
Logo del Parco
© 2019 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po Torinese
Cascina Le Vallere - Corso Trieste, 98 - 10024 Moncalieri (TO)
Tel. 011/4326520 - Fax 011/4326548
E-mail: parcopocollina.to@pec.it - Posta certificata: parcopocollina.to@pec.it
P. iva 06398410016