In seguito alla istituzione del nuovo Ente di gestione delle Aree Protette del Po Piemontese, subentrato all' Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino e all' Ente di gestione delle Aree Protette del Po Torinese, stiamo aggiornando i contenuti di questo sito, che prossimamente sarà raggiungibile col nuovo indirizzo
chiudi
Logo del Parco
Condividi
Home » Ente » Ricerche e studi

Progetto Life Orchids

L'Ente di gestione delle Aree protette Po piemontese è partner del progetto LIFEorchids, il cui scopo è contrastare l'attuale declino di orchidee spontanee: specie tipica delle praterie che mantengono le loro caratteristiche di biodiversità solo se gestite dall'uomo, ad esempio attraverso lo sfalcio e il pascolo.
In assenza di tali cure, l'habitat è destinato a scomparire, perché prendono il sopravvento specie arbustive ed arboree che escludono le orchidee. Il progetto prevede interventi di ripristino delle praterie e reintroduzione delle orchidee in aree selezionate all'interno delle Aree protette del Po piemontese (Piemonte) e del Parco di Portofino (Liguria), anche attraverso il contributo delle esperienze realizzate in Repubblica Ceca.

All'interno dei due Parchi si provvederà quindi all'applicazione di misure di ripristino e gestione conservativa dell'habitat tramite sfalci, rimozione delle specie invasive e delle piante arbustive ed arboree.

Quando però in natura le popolazioni di orchidee si riducono al punto da essere costituite da pochi individui, la tutela del loro habitat non è più una misura sufficiente. Queste piccole popolazioni soffrono infatti di un impoverimento genetico che determina problemi di sviluppo, ridotta vitalità e infertilità.
Anche nel loro habitat ideale, pertanto, esse possono beneficiare di un ulteriore aiuto mediante riproduzione in laboratorio e successivo ripopolamento.
L'obiettivo specifico di questo intervento è arrivare a ricostituire popolazioni di sufficienti dimensioni (in termini di numero di individui) da essere rinvigorite dal punto di vista genetico e di conseguenza vitali ed autosufficienti.

All'interno dei Parchi la messa a dimora delle piantine avverrà all'interno di "microriserve", aree protette con funzione di vivai naturali.
L'attuale perdita globale della biodiversità è senza precedenti nella storia del pianeta. Si stima che circa un milione di specie animali e vegetali (corrispondenti a 1/8 della biodiversità della Terra) scompariranno, nei prossimi decenni, ad una velocità da centinaia a migliaia di volte superiore al tasso naturale di estinzione. La causa principale di questo fenomeno senza eguali è la pressione antropica diretta (attività umane quali l'urbanizzazione e l'agricoltura intensiva) o indiretta (il cambiamento climatico globale). Come tutte le piante, le orchidee subiscono gli effetti deleteri di queste pressioni.

In aggiunta, però, le orchidee sono piante particolarmente "esigenti" per via della loro speciale biologia ed ecologia: non dipendono solo, per la loro riproduzione, dagli impollinatori, ma anche da specifici funghi microscopici, che sono indispensabili, in natura, per la germinazione dei semi e la sopravvivenza stessa delle orchidee. In conseguenza di questa doppia ed estrema dipendenza, le orchidee sono considerate a maggior rischio di estinzione rispetto ad altre piante, in quanto legate ad altri organismi (impollinatori e funghi) a loro volta minacciati dai cambiamenti ambientali.

Inoltre, gli ambienti di prateria ad alta biodiversità ricchi in orchidee (habitat 6210* nella classificazione degli habitat dell'Unione Europea), un tempo diffusi in tutta Europa, stanno scomparendo. Si tratta, infatti, di un habitat definito semi-naturale, perché il suo mantenimento richiede attività di sfalcio o di pascolamento oggi abbandonate. In assenza di tali tradizionali attività agro-pastorali, si insediano specie vegetali arbustive ed arboree che soppiantano le orchidee.

Gli sforzi di salvaguardia di LIFEorchids si concentrano in particolare su nove specie di orchidee italiane, due delle quali estremamente rare:

  • Orchis patens, una specie che, nella sua forma tipica, in Europa è presente solo in alcuni punti dell'area intorno a Genova
  • Himantoglossum adriaticum, specie compresa nell'Allegato II della Direttiva Habitat (un elenco di specie animali e vegetali la cui tutela è considerata di importanza primaria in Europa)

A queste si aggiungono altre sette specie (Ophrys apifera, Ophrys fuciflora, Ophrys bertolonii, Orchis antropophora, Himantoglossum robertianum = Barlia robertiana, Serapias neglecta, Anacamptis morio), che sono meno rare a livello europeo ed italiano, ma stanno subendo un rapido impoverimento nelle aree di intervento del progetto.

In Italia sono presenti circa 230 specie e sottospecie (secondo il G.I.R.O.S., Gruppo Italiano per la Ricerca sulle Orchidee Spontanee).

Tutte le orchidee spontanee sono protette da leggi nazionali e internazionali. La raccolta di qualsiasi parte della pianta è rigorosamente vietata.

Per saperne di più
Pagina Facebook @Progetto LIFEorchids
Profilo Instagram @lifeorchids2018
Sito web www.lifeorchids.eu

Ophrys
Ophrys
(foto di: Archivio Aree Protette Po vercellese-alessandrino)
Logo progetto
Logo progetto
(foto di: AA.VV.)
piemonteparchi
Logo del Parco
© 2021 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese
Piazza Giovanni XXIII, 6 - 15048 Valenza (AL)
Tel. 011/4321011
E-mail: parcopopiemontese@pec.it - Posta certificata: parcopopiemontese@pec.it
P. iva 95000120063