Logo del Parco
Natura e storia
fra collina e Po nel torinese
Condividi
Home » Ente » Ricerche e studi » Sezione fauna

Invertebrati: Biodiversità

Gran parte della Pianura Padana, intensamente coltivata, è ormai quasi completamente sprovvista della tipica vegetazione boschiva. Per questo motivo la riforestazione è uno dei fattori che dovranno qualificare il Parco del Po. Nel bosco del Gerbasso, area forestale lungo il tratto carmagnolese, dovuta interamente a un progetto di riforestazione di oltre dieci anni fa del Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola, si sta ora svolgendo una ricerca sugli insetti xilofagi. Si tratta di insetti che si nutrono del legno degli alberi, quelle ben note larve bianche, apode e cieche che si trovano all'interno dei tronchi o dei rami.
Gli scopi di questa ricerca sono svariati, ma principalmente si tenta di approfondire la conoscenza della diversità biologica, cercando di comprendere anche i meccanismi che portano al ripopolamento del biotopo forestale, essendo le sue componenti assai diverse da quello della monocoltura e dell'ambiente rurale circostante.
Oltre a questo, si studia l'impatto che questi invertebrati possono avere sulle latifoglie dei boschi di pianura, di cui manca la memoria.
La ricerca ha già portato al ritrovamento di specie considerate assai rare in Piemonte, come i Coleotteri Leptura aurulenta (Fam. Cerambicidae), Odontaeus armiger (Geotrupidae), Ochodaeus cfr. cychramoides (Ochodaeidae).
piemonteparchi
Logo del Parco
© 2020 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po Torinese
Cascina Le Vallere - Corso Trieste, 98 - 10024 Moncalieri (TO)
Tel. 011/4326520 - Fax 011/4326548
E-mail: parcopocollina.to@pec.it - Posta certificata: parcopocollina.to@pec.it
P. iva 06398410016